Svelata l’identità di Banksy: “È Giuseppe De Mita”.

Lo scoop di Irpinia Paranoica sta rimbalzando da stamattina sui social. Molte testate infatti stanno riportando la notizia che conferma il genio contenuto nei geni dei De Mida, la famiglia reale di Nusco.

Festa a Nusco. Si prevedono maxi finanziamenti per un nuovo festival della street art.

Il nostro informatore ha voluto rimanere anonimo ma ha dichiarato: “Era tutto un piano di marketing architettato dal Grande G per ottenere più consensi alle regionali del 2020”.

Pantera avvistata in fila davanti alla villa del Grande G, catturata!

NUSCO – avvistata la pantera nei pressi di Via Piano, era in fila e rispettava le distanze di sicurezza. Tutto regolare. È stata addomesticata da colui che tutto puote.

Era di poche ore fa la notizia dell’avvistamento della pantera irpina podolica nei pressi di un caseificio di Chiusano di San Domenica. Il felino podolico si è spostato a Nusco ottenere un colloquio con il Grande G e lì è stato prima addomesticato e poi catturato.

La storia infinita, film ambientato a Nusco

Il celebre film fantastico del 1984 tratto dal romanzo di Michael Ende ha tutti i connotati per essere stato girato a Nusco, a parte il finale.

Da bambini tutti abbiamo sorriso pensando al drago volante che ci avrebbe salvato, peccato che a Nusco invece il film si sia fermato alla scena della “palude della tristezza”, quando il cavallo Artax muore inghiottito dalle sabbie mobili e Atreju (il nome è stato rubato da Fratelli d’Italia ma in questo contesto non c’entra un cazzo) piange dalla disperazione. Si era recato a trovare Morla, la tartaruga millenaria, in cerca di un posto di lavoro. Morla, che stava lì da tremila anni, non poteva offrirgli più niente e invita il giovane a rinunciare, a rassegnarsi al suo triste destino. Il Nulla infatti, rappresentato dal Capitano, incombe su tutte le terre, anche nelle terre di mezzo e non c’è più scampo.

È in questo esatto momento che si interrompe il parallelismo con Nusco. Il film irpino finisce con la faccia da cazzo di Atreju che guarda le profonde rughe di Morla calmo e beffardo.


Olimpiadi a Bisaccia, arriva il si di De Mita

Decolla il Progetto Pilota. Piena intesa tra i sindaci dell’Alta Irpinia guidati dal sommo sindaco di Nusco, il Grande G. Le Olimpiadi si terranno a Bisaccia nel 2024. D’accordo anche il sindaco di Roma Virginia Raggi che ha dichiarato “è bellissimo”. A Nusco si terranno già a partire dalla settimana prossima i primi convegni di Alta Politica denominati “Aspettando le Olimpiadi”. Intanto sono già partite le assunzioni in Alta Irpinia. Sbloccati i fondi europei. Qualcuno parla di Nusco capoluogo di provincia nel 2028, per adesso resta il capoluogo dell’Alta Irpinia. Pronti i finanziamenti, i dipendenti comunali, le imprese edili e gli architetti hanno già dichiarato: “si prospetta qualcosa di meglio della ricostruzione post sisma, era quello che stavamo aspettando”.

In estasi anche i paesologi arministi: “avremo occasione di fare milioni di foto con le nostre reflex avellinesi”.

olimpiadibisaccia