Dopo la Svizzera, anche l’Irpinia. Ritirato “Il Nero di Bagnoli”.

La notizia è di poco fa e la lanciamo in esclusiva su Irpinia Paranoica. La denominazione del tartufo di bagnoli e della sua relativa sagra può apparire razzista secondo il comitato scientifico Onpks. Ci chiediamo a questo punto come verrà chiamata la prossima sagra in autunno. Noi proporremmo di evitare di fare le sagre in toto però, visto che ci siamo – nonostante il covid- chiamiamole tutte con la denominazione “La sagra del caciocavallo impiccato”. In fin dei conti rimane l’unico prodotto che si vende davvero in ogni sagra irpina.

Lascia un commento