arterios

De Mita e Mastella – La canzone esclusa a Sanremo

Nel 1990 il gruppo bolognese Art Erios dedicò una canzone ai due politici della Democrazia Cristiana, quelli che ancora oggi spadroneggiano in Irpinia e nel Sannio: Ciriaco come super sindaco di Nusco e dell’Alta Irpinia all’età di 88 anni e Clemente come neoeletto sindaco di Benevento a 69 anni. La canzone, intitolata “Ciriaco De Mita”, venne misteriosamente esclusa dal Festival di Sanremo…

dead man

Alla ricerca de lu postu – viaggio oltre i confini dell’universo

Si parte. Con ironia, non eroina, può essere d’aiuto per sopravvivere in Irpinia ma soprattutto per attraversare la palude della tristezza e andare oltre i confini di questo microcosmo provinciale. Qualche compagno/a di viaggio forse ce l’ha fatta, qualche altro/a è stato risucchiato dalle sabbie mobili. A restare fermi si affonda certamente, ad andare avanti si affonda probabilmente. Si va alla ricerca di un posto nel mondo o fuori, in cerca di sostentamento per campare. Per viaggiare serve la benzina ricavata dalla merda nera delle viscere della terra irpina e lucana, serve anche l’energia delle pale eoliche che deturpano il paesaggio e fanno proliferare le reflex. Il denaro è un serio problema. Viaggia chi non ha un cazzo da fare, chi non ha lavoro, chi non ha persone che stanno pensando a lui in quel preciso momento, chi non ha una vera e propria casa o una vera e propria patria. In viaggio come viaggia il Papa, come viaggiano i perdenti, più adatti ai mutamenti. Il viaggio di Atreju della storia infinita e di Alice nel paese delle rovine. Il viaggio di “dead man” su una bagnarola sotto la spinta dell’indiano morente, e dove va a finire quella bagnarola non si sa, per questo lo chiamiamo “aldilà”.

Concludiamo le citazioni con questi celebri versi di Agostino Kavafis:

 

Quando ti metterai in viaggio per Itaca

 devi augurarti che la strada sia lunga,

 fertile in avventure e in esperienze.

 I Lestrigoni e i Ciclopi

 o la furia di Nettuno non temere,

 non sarà questo il genere d’incontri

 se il pensiero resta alto e un sentimento

 fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.

 In Ciclopi e Lestrigoni, no certo

 nè nell’irato Nettuno incapperai

 se non li porti dentro

 se l’anima non te li mette contro.

 Devi augurarti che la strada sia lunga.

 Che i mattini d’estate siano tanti

 quando nei porti – finalmente, e che con gioia.